Un animale come amico: piume o quattro zampe?
Tempo di lettura: 2 minuti

Esistono amicizie speciali per alcuni di noi, amicizie che riescono a riempirti la vita e durano anni. Perché quegli amici che ci siamo scelti sono i più fedeli e i più leali; le ore trascorse insieme scorrono tranquille senza litigi e incomprensioni insanabili.

Non importa se si è bambini, giovani, adulti o anziani. Tutti noi beneficiamo di un rapporto speciale con gli animali domestici, anche perché la loro compagnia e il prendersene cura sono alcuni dei migliori rimedi contro la solitudine, la tristezza e la monotonia. Talvolta, basta un solo sguardo, una coccola e un giochino per rimediare ai nostri problemi, facendoci tornare il sorriso. E tutto questo ci viene donato senza chiedere nulla in cambio. Sì, perché è proprio questo il legame che abbiamo con loro, un rapporto di affetto ed amore disinteressato. L’animale è il migliore amico dell’uomo non è infatti un luogo comune.

Capiamo meglio quali sono quelli più adatti a noi

Il cane è di fatto un toccasana per i più piccoli: oltre a rafforzare le difese immunitarie dei bambini, diversi studi dimostrano che i benefici toccano anche la sfera dello sviluppo psicologico della personalità, l’insegnamento delle regole e del concetto di responsabilità. Si può dire lo stesso anche per i più grandi. Secondo uno studio di Senior Italia Federanziani, infatti, gli over 65 con un cane praticano più attività fisica (l’89% del campione lo porta a passeggio almeno una volta al giorno, mentre il 78% più di una volta). Ma non solo: la nuova compagnia riduce le probabilità di stress e  depressione  (-5,7%) e il rischio di malattie cardiovascolari (-7%).

Anche il gatto ha dei vantaggi indubbi sugli uomini e la sua maggiore autonomia non deve essere scambiata per freddezza. Un articolo pubblicato su Current Biology, basato su un progetto di ricerca dell’Università dell’Oregon, ha rivelato come questo sia un luogo comune e che in realtà il rapporto tra uomo e gatto possa diventare un’amicizia sincera, paritaria e reciproca. Il gatto sceglie il proprio padrone e si avvicina a un individuo per creare un’amicizia basata su uno scambio alla pari. I gatti, inoltre, avvertono gli stati d’animo altrui attraverso vista e olfatto: in caso di nervosismo potrebbero allontanarsi da noi; se siamo tristi, invece, proprio come farebbe un buon amico, potrebbero avvicinarsi magari cercando di attirare la nostra attenzione con buffi stratagemmi.

Richiedono spazi e cure maggiori invece gli uccelli: canarini, pappagallini e cocorite hanno bisogno di un’alimentazione curata e seguita da un veterinario oltre che di spazi adatti e luce idonea. Bisogna inoltre non esporli a stress emotivi. Ma per un bambino prendersi cura quotidianamente degli amici pennuti può essere propedeutico alla formazione di una capacità di concentrazione e di mantenimento degli impegni nella vita adulta.